13° piano

Non si raggiunge con l'ascensore: è uno stato mentale.


Lascia un commento

Hopper

New York.
Strappato dal centro vengo sommerso dai ricordi, e l’arte diventa veicolo comunicativo di emozioni nella mia stessa mente: serotonina non è felicità.
Troppo grande, nella nostra mente, viene ridotto a piccolo.
Allo stesso modo la mia gioia di essere a New York apparve nella mia mente come un flash visivo.

Ed esserci era come essere lei, guardare un mondo fantastico e lontano, eppure così vicino da poterlo toccare…